Green Pass per accesso a negozi, parrucchieri, uffici pubblici: è necessario aggiornare la documentazione privacy?

Green Pass per accesso a negozi, parrucchieri, uffici pubblici: è necessario aggiornare la documentazione privacy?

Nelle prossime settimane saranno progressivamente estese le attività a cui si potrà accedere solo esibendo il green pass base (cioè quello che si ottiene con vaccinazione, guarigione o anche con tampone negativo). Il 20 gennaio tocca a parrucchieri, barbieri ed estestisti; mentre dal 01 febbraio è il turno di uffici pubblici, servizi postali, bancari e finanziari, attività commerciali, tranne quelle necessarie ad assicurare il soddisfacimento di esigenze essenziali e primarie della persona.

Per tutte queste realtà sarà dunque necessario aggiornare la documentazione privacy in uso, in particolare con l’informativa ex art. 13 GDPR da mettere a disposizione dei clienti.

Ricordiamo che comunque, visto il già vigente obbligo di green pass per i lavoratori, la documentazione privacy necessaria per i controlli del green pass è la seguente:
– Scheda del trattamento da aggiungere al registro;
– Informativa da mettere a disposizione dei clienti;
– Informativa da mettere a disposizione dei dipendenti;
– Incarico di autorizzazione al trattamento da conferire al/i soggetto/i preposto/i ai controlli;
– Registro delle verifiche dei dipendenti;

A questo LINK (https://iconsulentiprivacy1-my.sharepoint.com/:f:/g/personal/info_iconsulentiprivacy_it/Eu-qWhczm8JDvW3C6ANB64MBby_XvSaScKKxMT2YNG1qdA?e=fyeO5c)  potete scaricare i modelli fac simile in word.

Adeguamento privacy policy per nuova normativa green pass
Fonte immagine: Corriere della sera

Scarica i fac-simile

Desideri ricevere maggiori informazioni?