Telecamere occulte sul luogo di lavoro sono lecite? 

La Corte di Strasburgo si è espressa sulla possibilità per il datore di lavoro di installare telecamere fittizie nei locali lavorativi al fine di controlli sul personale dipendente.
In Italia la tematica è particolarmente sentita, la normativa per l’installazione di videosorveglianza è stringente e richiede la preventiva richiesta alle rappresentanze sindacali.

Strasburgo però segna un piccolo precedente: nel caso, l’azienda installa telecamere sul luogo di lavoro, occultandole ai dipendenti. Comportamento lecito? Secondo la Corte sì, a patto che sussistano requisiti specifici:

  • Che le telecamere siano installate solo temporaneamente;
  • Che si sia proceduto ad un accurato bilanciamento tra i diritti in contrapposizione, la sicurezza dei lavoratori e la libertà degli stessi;

Il requisito essenziale perché i controlli sul lavoro, anche quelli difensivi, siano legittimi resta dunque, per la Corte, la loro rigorosa proporzionalità e non eccedenza: capisaldi della disciplina di protezione dati la cui “funzione sociale” si conferma, anche sotto questo profilo, sempre più centrale perché capace di coniugare dignità e iniziativa economica, libertà e tecnica, garanzie e doveri“.