All’ingresso della tua azienda hai installato un termoscanner con la rilevazione automatica delle temperatura?

Benissimo, la sicurezza prima di tutto, ma… hai pensato alla normativa privacy?

Alcune tipologie di termoscanner associano al rilevamento della temperatura anche altri servizi, come il riconoscimento facciale al fine di verificare se il soggetto “scansionato” indossa o meno la mascherina. Altri dispositivi consentono anche di “archiviare” i volti degli utenti al fine di consentire accessi “privilegiati” a determinate aree aziendali. O ancora, alcuni sistemi di rilevamento della temperatura vengono associati ai badge del personale, unendo alla funzione di prevenzione sanitaria anche la gestione delle presenze.

In questi casi occorre svolgere una DPIA (valutazione di impatto) ai sensi dell’art. 35 del GDPR, redigendo poi tutti i documenti prescritti dalla normativa per il corretto trattamento dei dati (come informative e registro dei trattamenti).

Contattaci per una valutazione del tuo caso:
Rimini 0541 1798723
Milano 02 45071182
Email info@iconsulentiprivacy.it