Tutela e trattamento dei dati personali: da quelli comuni a quelli sensibili. Web security e principio di responsabilità verificabile per aziende e professionisti. Entrata in vigore a San Marino nuova norma in linea con legislazione UE e Paesi avanzati. Nuove opportunità di crescita e competitività internazionale per imprese, servizi e mondo delle professioni sammarinesi

 

Anche per le oltre 7 mila imprese, i 300 tra commercialisti o revisori di conti e i 200 avvocati della Repubblica della Libertà, è arrivato il momento di rendere operativa la nuova normativa (L171/2018), per la protezione delle persone fisiche nel trattamento dei dati personaliLa legge adegua standard normativi di San Marino a quelli più avanzati e in opera a livello UE e internazionale. Consente, quindi, a imprese a mondo delle professioni e dell’impresa di dialogare, interagire, lavorare a parità di condizioni e tutele, con tutti gli attori di un mercato globale sempre più articolato. Particolare non da poco per il Titano, visto il valore dell’export sammarinese 2017, più di 1 miliardo e 700 milioni di euro e di un import, sempre 2017, attestato attorno al miliardo e 300 milioni (dati ministero Affari Esteri Italia).

“Siamo di fronte a un testo avanzato e efficace. Chiaro negli impegni da assumere e negli strumenti da adottare per aziende e professionisti. Da interpretare come una possibilità di up grade dei propri livelli di efficienza e produttività e con ricadute importanti sul pia no della gestione dell’attività lavorativa – spiegano l’avvocato Fabio Pari e Paolo Rosetti, data protection officer del team di lavoro della società “Consulenti Privacy” – ciò che è richiesto, consente di organizzare banche dati organiche, facili da utilizzare e in grado di dialogare con i soggetti extra San Marino. Mette nelle condizioni di costruire reti e data recovery protetti, al sicuro dai sempre più frequenti e sofisticati cyberattacks. Fatto da non sottovalutare, preso atto dell’introduzione del concetto di accontaubility, cioè di responsabilità verificabile, da parte di chi conserva e tratta i dati. Con conseguenti sanzioni per chi non osserva la norma e in grado di arrivare fino a 10 milioni di euro o a all’equivalente del 4% del fatturato annuo”. 

La “L171/2018” richiede, inoltre, l’istituzione e la formazione di figure quali: titolare del trattamento dei dati, responsabile trattamento e incaricato al trattamento. Senza dimenticare il ruolo estremamente importante della designazione di un rappresentante del titolare dei dati all’interno del Paese UE, con cui si comunica e lavora.

“È certamente un percorso articolato, pensiamo alla necessità del data processor, una professionalità legata a particolari competenze informatiche, o alla richiesta di consenso al trattamento richieste ai clienti – concludono Fabio Pari e Paolo Rosetti – a san Marino esistono competenze e società in grado di accompagnare imprese e professionisti in questo processo. Soprattutto, di dotare ogni realtà di un nuovo know how essenziale per crescita e sviluppo della propria attività. Anche e soprattutto al di fuori dei confini”.

 

RASSEGNA STAMPA:

http://www.smtvsanmarino.sm/comunicati/2019/03/19/san-marino-nuova-legge-privacy-futuro-professionisti-imprese-oggi

https://www.informazione.it/c/A86E11BB-6A65-4EAD-B52E-EC73F463785C/San-Marino-e-nuova-legge-sulla-privacy-il-futuro-di-professionisti-e-imprese-e-oggi